Fondazione Aldo Della Rocca Ente Morale per gli Studi di Urbanistica Fondazione Aldo Della Rocca
 
    
    
 
Attività e Programmi
 
 
Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni OK
 
:: Ricerca, Formazione e Diffusione

:: Relazione Attività
Quinquennio 2009-2014


:: Relazione Attività
Triennio 2015-2017


:: Premio per le città sostenibili

:: Archivio Urbanisti del XX Secolo




Particolare delle finestre
che si affacciano nel cortile
interno di Palazzo Baldassini




Palazzo Baldassini
sede dell'Istitito Sturzo
pianta primo piano


Premio per le città sostenibili

Il Premio per le città sostenibili, istituito nel 1998 dal Ministero per l'Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione Aldo Della Rocca, ha lo scopo di valorizzare e diffondere le iniziative realizzate nel nostro paese nel campo dello sviluppo sostenibile, a livello locale.

Una città sostenibile non è solo una città che si preoccupa di proteggere l'ambiente, di tutelarne e ripristinarne l'integrità, ma è anche una città che tende a estendere il benessere all'intera popolazione, a rendere accessibili i servizi di base a tutti gli abitanti, a coinvolgere gli esclusi nei processi di pianificazione dello sviluppo; una città cioè che tiene conto delle istanze di ogni cittadino e ne concilia le esigenze con quelle dell'intera collettività in termini di equità.
Per migliorare la qualità della vita e proteggere la salute dei cittadini occorre quindi tutelare e migliorare integralmente l'ambiente urbano inteso nelle sue tre dimensioni fisica (città di pietra), funzionale (città delle relazioni) e percettiva (città del vissuto); occorre cioè innescare un processo di riorganizzazione della città in grado di garantire il ristabilimento di un equilibrio dinamico tra habitat dell'uomo e ambiente naturale e di garantire un continuo controllo delle componenti che turbano questo equilibrio.

Il concetto di sostenibilità applicato ai contesti urbani si carica di significati specifici nel riferirsi a realtà complesse e così accentuatamente antropizzate. È nelle città che si concentra la maggior parte dei consumi energetici, che la mobilità determina l'impatto ambientale maggiore (anche perché concentrato), che si produce la maggior quantità di rifiuti, che la massificazione dei consumi genera l'appiattimento dell'offerta su prodotti omologati e indifferenziati con ripercussioni sulla biodiversità, che i modelli di vita tendono maggiormente a sradicare le popolazioni dalle proprie radici, che i meccanismi economici producono i più stridenti fenomeni di emarginazione sociale.
Ogni città deve individuare un proprio percorso verso la sostenibilità che non va assunta quale fine ma come processo in continuo affinamento verso traguardi successivi inseriti all'interno di una pianificata strategia che si avvalga di strumenti specifici, promossi dalle amministrazioni locali ed orientati alla consapevole partecipazione di tutte le componenti sociali ed economiche portatrici di legittimi interessi.
Data la dimensione degli impatti generati dalle città sull'ambiente, il ruolo che le città devono svolgere nel processo di riconversione in senso sostenibile dello sviluppo è fondamentale per risolvere tanto i problemi che si manifestano all'interno degli insediamenti urbani, quanto quelli da essi causati in territori ad essi più o meno remoti; in questa prospettiva le città devono essere considerate i più significativi laboratori in cui sperimentare politiche ambientali e buone pratiche che, proprio in contesti "estremi" quali quelli urbani, possono meglio manifestare la propria efficacia e ripercuotere i propri benefici effetti su ambiti territoriali assai vasti.
Per ogni amministrazione locale la città sostenibile quindi deve rappresentare un fine verso cui, progressivamente, tendere attraverso l'implementazione di un processo attuativo che evolve per mezzo di una serie di azioni operative ed utilizza strumenti specifici da applicare in varie configurazioni per rispondere alle varie esigenze di tutela ambientale e di equità sociale poste dal paradigma della sostenibilità, su scala locale come su scala globale.

Per diffondere le pratiche e le tecniche della sostenibilità urbana nel nostro paese, il Servizio Sviluppo Sostenibile del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio, col supporto tecnico della Fondazione Aldo della Rocca, ha allestito queste pagine web che raccolgono alcuni contributi testuali sui temi della sostenibilità urbana e della città multietnica e danno conto dei risultati conseguiti con l'organizzazione delle prime edizioni del "Premio per le città sostenibili".
Le prime edizioni del Premio, nel sollecitare una positiva competitività tra gli enti locali, hanno contribuito a dare adeguata visibilità, rafforzando nella collettività una percezione positiva dell'opera sostenibile.
La partecipazione al Premio è stata aperta a tutti i Comuni Italiani con più di 20.000 abitanti che, nell'ambito di una strategia di azione, generale e integrata, in favore della sostenibilità urbana, ritengano di aver realizzato - o abbiano in corso di avanzata realizzazione - iniziative ambientali particolarmente innovative, esemplari e riproducibili in altri contesti locali.
In virtù della massiccia partecipazione ottenuta, l'occasione concorsuale si è trasformata in un percorso di ricerca applicata che consente di confrontare esperienze diverse e nell'insieme di definire un repertorio di azioni concretamente attuate da cui ogni amministrazione locale può attingere informazioni utili per impegnarsi nell'attuazione del percorso verso lo sviluppo sostenibile. A tal fine è stato elaborato un database di tutte le iniziative dei Comuni partecipanti alle due edizioni del Premio; il database attraverso combinate modalità di ricerca, consente di selezionare le iniziative secondo dei criteri multipli, restituendo in questo modo nella sua interezza la ricchezza di contributi progettuali e di idee che le occasioni concorsuali hanno reso disponibili.

 
     
La Fondazione Della Rocca | Corrado Beguinot | Contatti
Storia, Atti Costitutivi | Attività e Programmi | Produzione scientifica ed Editoriale | Per la Città Interetnica Cablata
     Tutti i diritti riservati © 2007 - 2015
Realizzato da NapoliWeb S.r.l. - Siti web a Napoli